Alice Tambourine – Lover Forse Non Sei Tu

Sospesi tra atmosfere sognanti alla Mazzy Star/Cowboy Junkies e momenti più rockeggianti con echi di Mark Lanegan, il duo bolognese Alice Tambourine Lover (Alice Albertazzi e Gianfranco Romanelli) torna con il singolo Forse Non Sei Tu, in uscita per l’etichetta heavy psych rock Go Down Records (IT). Per la prima volta i brani sono cantati in italiano, ma il linguaggio musicale rimane fedele al loro cullante idioma dream[1]roots, da qualche parte tra Yo La Tengo e Cranes. Il testo di Forse Non Sei Tu è opera del cantautore ligure Vittorio Carniglia, mentre il secondo brano è una reinterpretazione di Vorrei Incontrarti, uno dei capolavori dell’Alan Sorrenti progressivo, suonata con un feeling blues che ne colora la fredda bellezza. Gli Alice Tambourine Lover nascono nel 2011 come side-project della band psichedelica Alix, con cinque album pubblicati tra cui Ground, registrato da David Lenci e Good One, registrato da Steve Albini. Nel 2012 hanno suonato all’All Tomorrow’s Party Festival, dividendo il palco con Neurosis, Shellac, Red Fang, Uzeda. Hanno pubblicato, tutti su Go Down Records, Naked Songs (2012), Star Rovers (2013), Like A Rose (2015), che contiene due canzoni di Dandy Brown (Hermano, Orquesta Del Desierto) e John Garcia (Kyuss, Unida, Hermano) e Down Below (2019). Il loro suono denso ed essenziale ha catturato anche l’attenzione dei registi Iris Elezi e Thomas Logoreci, che hanno scelto Hungry Thieves (Alice Tambourine Lover) e The Sweet Smelling-Roads (Alix) per la colonna sonora del film “Bota Cafè”.

Ti potrebbe anche interessare