Teleterna – Teleterna

Con alcuni passaggi che ricordano i primi C.S.I., i Teleterna sbarcano nel panorama musicale italiano presentando il loro disco d’esordio che può essere definito come un concentrato di wave punk da sballo carico com’è di ipnotiche cavalcate musicali. Tra l’altro l’anticipazione in uscita con il video Zapoj ha confermato l’idea che ci eravamo fatti inizialmente vale a dire che qui, con questo lavoro, siamo di fronte ad un rock che respira aria di post-rock ma anche di punk vellutato. Infatti colpiscono molto quei cambi di ritmo che il combo ha inserito in Bava Tossica così come piacevoli all’ascolto sono le leggere distorsioni di Suan Zene. Insomma un disco capace di viaggiare su strade musicali che si intrecciano tra loro sprigionando la capacità composita della band che può già guardare in avanti cercando, per lo più, di arricchire il proprio sound che si presenta già con una buona base di partenza. Teleterna è un disco già maturo, particolarmente pieno di certi suoni che sembrano provenire da uno sperimentalismo puro dove, la crudezza del suono inteso nella sua primordialità embrionale lascia presagire a nuove scoperte da parte del duo. Le idee di sicuro non mancano, basta avere pazienza e suonare, poi la provenienza di fatto da altre band in cui si è maturata esperienza (Axel già membro dei Dummo e Tommaso, anche lui nei Dummo e pure nei Verme) ha giocato la sua parte.

Ti potrebbe anche interessare