The Shameless – Love Condemnation

I The Shameless si preparano oggi all’uscita del loro ultimo lavoro, Love Condemnation, un disco che prosegue su quel percorso già anticipato con Blossoms pubblicato nel 2018. Love Condemnation è la perfetta sintesi di un sound ricercato ed accurato che la band ha saputo rendere un vero e proprio marchio di fabbrica, un marchio che li proietta tra le migliori band in attività al giorno d’oggi. E loro, anche in questo bellissimo disco, viaggiano tra un rock decadente ed ancorato alla migliore tradizione ed un rock che se a tratti sembra sfociare nel pop, in realtà diventa ricercato per le grandi atmosfere che vengono proposte. Questo disco, che si interroga su temi quali l’amore, l’odio, la fede oltre che profondo nelle tematiche, è decisamente ancorato a musicalità molto vicine a quelle che potrebbero diventare, in futuro, efficaci orchestrazioni magari con un ensamble orchestrale come già avvenuto per altri grandi gruppi. Il bello di questo nuovo lavoro sta tutto nelle capacità di saper fondere passaggi da antologia psichedelica con nuove e sempre differenti musicalità che rendono il pop rock proposto un coacervo di stili che vanno dal prog alla psichedelia al pop, al pure rock.

Si parte con Wonderfoul Times un pezzo di straordinaria malinconia, un brano di assoluta bellezza con la voce ed il piano che ricordano la grandezza di passaggi alla Nick Cave dove anche qui tra musica e poesia c’è perfetta fusione. Con Shower Your Love, pur restando nei canali che abbiamo precedentemente accennato, ci vengono offerte un po’ di quelle atmosfere alla Chris Cornell, a volte dolcissime ed intramontabili ma che con questo brano vengono appena sfiorate; sì, perché la scrittura di questa band oltre che notevole è personale e di questo dobbiamo assolutamente dar loro atto. Si prosegue con la bellissima e straripante Lord Love Is Changing My Skin, una vera e propria preghiera dove a Dio si può chiedere almeno di cambiare la parte peggiore di noi, una struggevole e bellissima canzone che ti resta nella testa una volta che l’ascolti. Si continua a viaggiare sulle note di Lovely Curls che sembra incarnare atmosfere alla Dead sovrastate da influenze marcatamente Doors, una combinazione perfetta che rende questo pezzo uno dei più belli di tutto Love Condemnation anche se è giusto dire che qui è tutto l’album ad essere una vera e propria perla. Ed infatti mentre ci si muove attraverso accordi colorati di piano che si proiettano all’interno di solide strutture ritmiche per sciogliersi dentro gli arrangiamenti liquidi delle chitarre, giungiamo ad un altro grande pezzo come Lovely Curls che dimostra come questa band siciliana sia votata ad un pure rock d’atmosfera.

Si continua con Eyes Open Wide ma cambia ben poco se non un’atmosfera più vicina a ballate springstiane, dove qualche bel passaggio alla Steven Wilson non manca, un brano che è in perfetta linea con gli altri appena ascoltati e che rendono il tutto un magnificat alla grande musica. Con Ocean Eyes ci si apre un po’ ad atmosfere più calde ed infatti, il sound qui è di chiara matrice Smashing Pumpskins anche se molto personale e caratterizzato da una conoscenza unica di tanti generi che vanno dal rock al pop, una grande cosa per una band che pur al secondo disco è una garanzia per il futuro del rock italiano. L’atmosfera cupa di Thriller Song è quanto di più profondo potrebbe esserci e la perfetta orchestrazione di questa band siciliana rende tutto ancora più grande, grande quanto questo disco che ci ha colpito dall’inizio alla fine, vale a dire fino a quando giunge quella Love Condemnation che è la perfetta fusione tra blues, rock e pop.

Quello che ha questo disco è di sicuro la capacità di offrire atmosfere che si trasmettono da un brano all’altro, brani che costruiscono un percorso di sound che va tutto nella direzione di un rock di natura polisinfonica e dal grande respiro, un rock oscuro ma vivo e pieno di grandi intuizioni, un rock che per la band siciliana degli Shameless è ormai un vero e proprio marchio di fabbrica, una fabbrica dove la cura delle cose e le dissonanze sonore sono alla base di tutto.

Ti potrebbe anche interessare