Al via con Cristiano Godano la XV edizione del S.E.I. Festival

Prende il via domenica 11 luglio al Castello di Corigliano la XV edizione del SEI Festival che nella cornice del bel castello salentino ospiterà diversi artisti e scrittori di cui ne abbiamo parato in un precedente articolo. L’apertura di questa XV edizione toccherà a Patrizia Caffiero e a Cristiano Godano con la prima che alle 20.30 darà via ad una serie di presentazioni di libri e con Godano invece che taglierà il nastro alla partecipazione di diversi artisti secondo il calendario che si snoderà dall’11 luglio al 27 di agosto coinvolgendo diverse location salentine. Con il claim #wecanbeheroes, dall’11 luglio al 27 agosto tra il Castello Volante di Corigliano d’Otranto e il centro storico di Melpignano, il festival salentino ideato, prodotto e promosso da Coolclub, con la direzione artistica di Cesare Liaci, proporrà un fitto programma di concerti, presentazioni, incontri, residenze artistiche e altri momenti di confronto. Ad aprire il programma saranno appunto Godano e Caffiero dei quali ne proponiamo qui le relative schede:

 

CRISTIANO GODANO

 

Cristiano Godano, in duo, coinvolgerà il pubblico in un’atmosfera intima con l’obiettivo di dar vita ad uno spettacolo accogliente e confidenziale, caratterizzato dall’urgenza creativa che da sempre contraddistingue la produzione del cantautore. Sarà un viaggio nelle note e nell’anima di “Mi ero perso il cuore”, un album affascinante e misterioso che ha conquistato la critica e il pubblico, un tour che permetterà di tornare finalmente a condividere l’emozione del live, carico di sensazioni inaspettate e sorprese. Cristiano Godano, artista poliedrico, è cantante, chitarrista, autore, attore e scrittore. Oltre a essere il cantante dei Marlene Kuntz, infatti, è l’autore di tutti i testi (oltre 130) della band. Nel 2008 ha esordito come scrittore, con i sei racconti de “I vivi” (Rizzoli), dai quali ha tratto un reading che ha portato in tour in tutta Italia, nel 2019 ha pubblicato il racconto biografico in prima persona “Nuotando nell’aria. Dietro 35 canzoni dei Marlene Kuntz” (La Nave di Teseo). È docente all’Università Cattolica di Milano e tiene lezioni e workshop in ambito musicale e poetico. “Mi ero perso il cuore” è il suo primo disco solista, uscito a giugno 2020 in digitale, CD e doppio Vinile da collezione 180gr.

 

Venerdì 16 luglio – ore 22

Castello Volante – Corigliano d’Otranto (Le)

Ingresso 10 euro
Prevendite nel circuito Dice.fm ->  
http://bit.ly/SEI_DRubertis

 

PATRIZIA CAFFIERO

Il Pianeta delle Occasioni Perdute

Musicaos Editore

 

Sul Pianeta delle Occasioni Perdute non si giunge per caso. I terrestri che decidono di andarci, da dovunque provengano, lo fanno con la consapevolezza che lì soltanto avranno l’opportunità di vivere un’esperienza unica, senza limiti, dai meandri del proprio passato e oltre, fino al più recondito e sconosciuto futuro. Iris, la «teratopoli» del pianeta, attrae e affascina, i suoi abitanti sembrano essere gli ultimi rimasti con una predilezione naturale per il dialogo e la comprensione. Chi visita il Pianeta sa che l’occasione che potrà vivere sarà la chance di una vita. «Il Pianeta delle Occasioni Perdute» è una raccolta di racconti fantascientifici, la cui ambientazione in epoche differenti e con personaggi che ricorrono, costituisce lo scenario per un romanzo diffuso: chef interstellari, predatori delle galassie, poeti, amanti, forme di vita extraterrestre, artigiani dello spazio. Patrizia Caffiero ha dato vita a un universo con una lingua nuova, popolandolo di storie, personaggi, evoluzioni in corso, costruendo un’epica degna dei maestri del genere, avventurando il lettore in molteplici viaggi e facendoci vivere un futuro poetico e sorprendente.

Patrizia Caffiero, nata e vissuta a Lecce fino al 1996, si è trasferita prima a Ferrara, poi a Bologna, e dal 2006 ad Anzola dell’Emilia dove lavora al Servizio cultura del Comune. È laureata in Lettere e Filosofia (Università del Salento) con una laurea dal titolo “Pasolini e il Potere. Linee per un’interpretazione storico-politica.” S’interessa di cinema, teatro, letteratura; fra i suoi scrittori preferiti Maeve Brennan, Truman Capote, Henry James, Marguerite Yourcenar, Paul Auster, Ray Bradbury, Juan Rulfo, Stephen King. Il suo film preferito è “Prima della pioggia” di Milčo Mančevski. È telefilm addicted, in particolare delle serie tv “I Soprano” e “Dottor Who”. Ha pubblicato per Miraviglia editore, nel 2007, il romanzo “Guarda che prima o poi Dio si stancherà di te”; per Fernandel, un racconto per l’antologia “Quote rosa” (2007) e un racconto per l’antologia “Fobieril – soluzione MANIAzina” (Jar Edizioni) nel 2009. Nel 2017 è uscita la raccolta di racconti “Incredibili vite nascoste nei libri” per Musicaos editore. Uno dei racconti ha ispirato nel 2019 il cortometraggio “La prima colazione”, scritto e realizzato da Marco Pappalardo, interpretato tra gli altri dalla stessa autrice. Ha appena terminato il suo primo romanzo (una ghost story) in collaborazione con la Scuola di Scrittura Omero di Roma e collabora dal 2019 con la compagnia teatrale “Macellerie Pasolini” di Bologna diretta dal regista Ennio Ruffolo, per cui ha scritto, con Mila Marchesini e Alice Manzini, il testo teatrale ispirato a “Querelle de Brest” di Jean Genet e al film omonimo di Rainer Werner Fassbinder, e la drammaturgia della performance itinerante “Ape Car”. Il suo blog letterario “Prima della pioggia” è visitabile all’indirizzo: testiappuntinotedablogs.wordpress.com.

 

 

Ti potrebbe anche interessare