Red Giant – The One

La scena underground torinese ha da sempre espresso grandi band e non solo quelle; la Torino operaia ha sempre espresso nomi che si sono poi rivelati fondamentali per la scena musicale italiana, quella rock in particolare, e ciò avviene ancora con i Red Giant che si presentano all’esordio con un album di rock nostalgico ma dal carattere forte. E se dobbiamo dirla tutta il loro è un hard rock da prima scuola alla pari di band come Grand Funk Railroad e Led Zeppelin; certo nessun paragone con questi grandi, ma la scuola è proprio quella e lo si capisce sin dalle prime note di questo bel disco. The One, è stato realizzato in soli quattro giorni, tutto in presa diretta e c’è da dire che si respira proprio l’aria di un live, quei live che tanto ci mancano. Aggiungiamo poi che con questo genere di rock, la resa di una band come quella dei Red Giant la si dovrebbe vedere proprio nei live….ma abbiamo tempo per farlo. Nel frattempo The One, il loro debut album è disponibile su tutti i digital store e in formato CD da novembre 2020, è composto da undici brani in cui, come da tradizione piemontese, troviamo un sostanzioso crogiolo di generei la cui base è condita di hard rock e AOR, ma non guastano leggeri tocchi di progressive e una leggera passata di punk. Nonostante ciò, non mancano comunque gli attimi riflessivi delle ballad.

 

The One è un disco che si fa onore, nessuna nostalgia del passato, solo voglia di fare musica ed un bel risultato che in quattro, senza aggiunte di musicisti extra, sono stati in grado di raggiungere. Un disco molto curato, di sicuro pensato, certamente voluto. E se questo è l’esordio…

Ti potrebbe anche interessare