Mad Dogs – We Are Ready To Testify

Non so se i Mad Dogs abbiano deciso di realizzare questo loro terzo lavoro a seguito della pandemia o meno, fatto sta che una sferzata di rock’n’roll nella produzione discografica di questo interminabile periodo ci voleva proprio. Qui, ragazzi, c’è rock’n’roll allo stato puro, genuino come quello di una volta, a conferma che i quattro musicisti marchigiani hanno nelle mani quella capacità di saper fare musica a tutto tondo, meglio ancora a 360 gradi. E questi gradi sono l’apice della temperatura che facilmente si raggiunge ascoltando i dieci brani di questo semplicemente favoloso We Are Ready To Testify che, se pur nelle mie intenzioni meriterebbe come valutazione un bel 10 non lo assegno per il semplice fatto che non lo hanno dato mai nemmeno al sottoscritto quando si andava a scuola e nelle orecchie avevamo il rock’n’roll dei Rolling Stones, angeli maledetti. Ma il disco di questi cani pazzi, Mad Dogs appunto, mi è entrato così facilmente nel sangue che vi invito ad ascoltarlo se avete bisogno di una bella scarica di adrenalina. Adrenalina che arriva sin dal primo brano, Leave Your Mark On What You Do, che pur richiamando un certo hard rock, grazie al ritmo martellante di chitarra e batteria che sono le protagoniste, è più votato a quel rock’n’roll che in questo disco la fa letteralmente da padrone. Continuando poi l’ascolto ci si accorge che proprio quel brano di apertura appena sentito detta l’impostazione a tutta la produzione qui presente nata in questo anno pandemico. Ma è proprio grazie a dischi di questo genere che abbiamo la fortuna di dire che in fondo le restrizioni a cui siam sottoposti non sono poi così pesanti perché grazie a questa musica possiamo viaggiare in altre dimensioni. Il fatto poi che We Are Ready To Testify sia una vera e propria fusion che comprende quella via di mezzo di garage rock compreso tra MC5 e Stooges messi insieme nel frullatore la dice lunga sulla forza che questi ragazzi hanno nel tirare fuori quell’insieme di suoni che dal loro esordio con Niente E’ Come Sembra del 2015 fino ad oggi, hanno coniato. Comunque sia in questo nuovo disco la band marchigiana è davvero un concentrato di energia rock, un condensato che si trasforma passando da scatenati momenti elettrici a dolci passeggiate ma anche a piacevoli ritmiche e, sempre e comunque nel segno di quell’elettrico che spinge ad amare davvero questo disco. Oh ragazzi, che ci crediate o no qui abbiamo sentito davvero quei suoni rock che mancavano da un po’ di tempo e che viaggiano a cavallo tra passato, presente e futuro perché, se il rock ha un’anima, i Mad Dogs lo hanno capito. Basta ascoltare un brano a caso del disco per capirlo. A noi è capitato ad esempio con What Do You Say? Che ne dite? Appunto!

Ti potrebbe anche interessare